Qui non c'era nessuno. Kufia - appunti per un immaginario dell'altro

L'ultimo Gasp, inguineMAH!gazine #2 – anno1 (2003)

Non esiste una cosa come il popolo palestinese… Non è come se noi fossimo

venuti e li avessimo cacciati e preso il loro paese. Essi non esistono.

Golda Meir (Primo ministro israeliano 1969-74),

dichiarazione al The Sunday Times, 15 giugno 1969.


Come possiamo restituire i territori occupati? Non c’è nessuno a cui restituirli.

Golda Meir, 8 marzo 1969


Kufia è nato nel 1988 come progetto a sostegno di un progetto di solidarietà. Erano tempi diversi per la questione palestinese. Si parlava un’altra lingua: nel senso che, ciò che è avvenuto dopo, ha cambiato la sintassi del discorso politico tout court e delle dinamiche in atto. La richiesta era abbastanza banale, ma complessa e rischiosa anche al tempo: si chiese ad una serie di disegnatori importanti di realizzare una illustrazione per farne una mostra e un port-folio che servisse come strumento di raccolta fondi per la Palestina. Ci furono dinieghi ed entusiastiche adesioni, come sempre avviene in queste circostanze. La peculiarità di kufia non fu però soltanto quella di radunare un numero cospicuo di autori italiani ed esteri su un progetto che per sconfiggere il silenzio usava le figure, ma quello di sopravvivere e continuare con tenacia questo lavoro. Questa è stata senza dubbio la riprova inconfutabile che se si vuole lavorare perché il silenzio esaurisca se stesso, lo si deve fare con costanza, anche se sottovoce.

Kufia presentò i lavori raccolti in oltre 70 città italiane e anche a Gerusalemme e nei Territori. Le tavole originali della prima edizione furono trafugate: non si è mai saputo chi fosse il mandante del gesto, ma la cosa non stupisce. Il furto avvenne con modalità organizzate e non improvvisate.

Nel 2002 gli organizzatori hanno deciso di ricominciare: di nuovo hanno contattato autori, alcuni già presenti nella prima raccolta, altri nuovi, anche perché qualcuno con Pazienza è venuto a mancare. Credo che la necessità di rinnovare la raccolta non sia stata solo dovuta allo scoppio della Seconda Intifada, ma anche al fatto che il conflitto e la sua rappresentazione sono cambiate. Ovvero, da un certo punto di vista la situazione rimane incrollabilmente identica, ma solo ad uno sguardo indifferenziato. Per prima è mutata la società palestinese. È mutato il clima politico interno di Israele. Siamo mutati noi.

Quest’ultimo cambiamento mi sembra quello più cruciale: il nostro mutamento. Perché kufia, a prescindere dallo scopo per cui è stata realizzata, è comunque una mostra di illustrazioni e disegni che risulta eccezionale perché rappresenta il nostro punto di vista, il nostro sguardo sull’altro. È vero che ci sono anche alcuni disegnatori israeliani e palestinesi, ma il gruppo più significativo, sia come numero che come rilevanza artistica, è quello europeo. Kufia è una piazza di visioni che colleziona rappresentazioni su un conflitto che ha una particolare rilevanza simbolica, ed in questo senso stimola la produzione di figure. Se lo sguardo muta, deve mutare anche la rappresentazione.

Il primo cambiamento è avvenuto nello strumento comunicativo di cui kufia si è dotato. Difatti ora è anche in rete, grazie alla collaborazione di inguine.net, e, si sa, il medium è significato. Il Blogger di kufia in poco tempo è stato visitato da migliaia di visitatori e sono state inserite quasi 50 immagini. Una ulteriore riprova che il simbolico che si accumula dietro a questa storia può trovare un valido strumento nell’immediata e non mediata pubblicazione della rete.

Il secondo cambiamento, meno evidente, ma più significativo, è quello dell’immaginario che pervade la seconda raccolta di illustrazioni. Se nella prima edizione le immagini erano, a prescindere dalla tecnica utilizzata, molto venate da un simbolismo orientalista, nel senso che a questa parola dà Said, ovvero di “orientale così come io occidentale me lo raffiguro”, e se mancava un approccio ironico o disincantato, ma prevaleva un’estetica che mirava alla commozione e alla angoscia, nella seconda edizione i toni sono in parte mutati.

Innanzitutto compare una vena ironica, di smontaggio di alcuni luoghi comuni, di decomposizione del senso invalso: ad esempio nell’illustrazione di Zarate del francobollo della Palestina (vuoto) o in quella di Giacon del ragazzino che legge Spiderman, mentre dietro di lui avanza un carro armato (la didascalia recita: supereroi con superproblemi). Segno che qualcosa è cambiato. Se il ragazzino palestinese non è più un ostaggio visivo, nel senso che non è semplicemente un topos dell’immaginario utilizzato a favore e contro tutte le guerre, ma diventa “persona”, personaggio di un racconto dove fa cose comuni come leggere un fumetto, allora qualcosa si è mosso nel nostro modo di rappresentare l’altro. Il disegno di Giacon mi ha ricordato un’altra illustrazione dove questo aspetto compare, pubblicata su World War 3 negli Stati Uniti, dove però il ragazzino gioca alla Play Station. In tutti e due i casi ho pensato alla richiesta che i palestinesi comuni più spesso fanno negli incontri: guardateci, non siamo tutti terroristi. Anche noi piangiamo i nostri figli. Guardateci, vorremmo una vita con le accidentalità del normale scorrere del tempo.

Kufia è un inconsapevole testimone, e forse promotore, di questo mutamento: in questo senso questo progetto non solo è stato prezioso per raccogliere fondi, diffondere idee e stimolare una riflessione su quanto sta accadendo in Israele e Palestina, ma è preziosissimo perché ha stimolato e permesso al nostro punto di vista di cambiare la propria interpretazione. Rappresentare se stessi è dura, farlo con l’altro lo è ancora di più. Alla fine, come diceva Borges, “un uomo si propone il compito di disegnare il mondo. Per anni e anni popola lo spazio con immagini di province, di regni, di montagne…E poco prima di morire, scopre che questo paziente labirinto di linee traccia l’immagine del suo volto”. In questo senso dentro kufia ci specchiamo noi stessi. 


Scrivi commento

Commenti: 17
  • #1

    Sophia Fleitas (sabato, 04 febbraio 2017 05:08)


    Undeniably believe that that you stated. Your favorite justification appeared to be on the web the easiest thing to remember of. I say to you, I certainly get irked while other folks think about issues that they just do not understand about. You managed to hit the nail upon the top and outlined out the entire thing without having side-effects , folks could take a signal. Will likely be back to get more. Thanks

  • #2

    Taneka Bissonette (domenica, 05 febbraio 2017 01:29)


    Howdy! I could have sworn I've been to this site before but after browsing through some of the post I realized it's new to me. Anyways, I'm definitely glad I found it and I'll be book-marking and checking back frequently!

  • #3

    Cheryl Hatchell (lunedì, 06 febbraio 2017 21:54)


    If you want to get a good deal from this post then you have to apply such methods to your won weblog.

  • #4

    Sophia Fleitas (martedì, 07 febbraio 2017 11:25)


    Heya i'm for the first time here. I came across this board and I find It really useful & it helped me out much. I hope to give something back and help others like you aided me.

  • #5

    Lula Selvy (martedì, 07 febbraio 2017 19:40)


    I am really impressed with your writing skills and also with the layout on your weblog. Is this a paid theme or did you customize it yourself? Anyway keep up the excellent quality writing, it's rare to see a great blog like this one nowadays.

  • #6

    Sophia Fleitas (martedì, 07 febbraio 2017 23:30)


    It's really a nice and helpful piece of info. I am glad that you just shared this helpful information with us. Please keep us informed like this. Thank you for sharing.

  • #7

    Hsiu Mckinney (mercoledì, 08 febbraio 2017 01:31)


    Excellent way of describing, and pleasant paragraph to obtain data concerning my presentation subject, which i am going to deliver in college.

  • #8

    Gabriel Waid (mercoledì, 08 febbraio 2017 02:08)


    Truly no matter if someone doesn't understand after that its up to other people that they will help, so here it happens.

  • #9

    Spencer Mclane (mercoledì, 08 febbraio 2017)


    Hey there! I just would like to offer you a big thumbs up for your great info you have right here on this post. I am returning to your website for more soon.

  • #10

    Audie Benham (giovedì, 09 febbraio 2017 07:18)


    Hello there, You have done an incredible job. I'll definitely digg it and personally recommend to my friends. I am sure they'll be benefited from this website.

  • #11

    Delinda Boren (giovedì, 09 febbraio 2017 11:36)


    Does your website have a contact page? I'm having a tough time locating it but, I'd like to send you an email. I've got some creative ideas for your blog you might be interested in hearing. Either way, great website and I look forward to seeing it expand over time.

  • #12

    Hobert Brundige (giovedì, 09 febbraio 2017 12:09)


    Wow! In the end I got a web site from where I be capable of actually obtain valuable facts regarding my study and knowledge.

  • #13

    Ji Pasko (giovedì, 09 febbraio 2017 13:10)


    Incredible! This blog looks exactly like my old one! It's on a entirely different topic but it has pretty much the same page layout and design. Outstanding choice of colors!

  • #14

    Margarite Mcnees (giovedì, 09 febbraio 2017 21:10)


    I have read several just right stuff here. Certainly worth bookmarking for revisiting. I wonder how a lot effort you place to make this type of fantastic informative web site.

  • #15

    Treena Barrio (venerdì, 10 febbraio 2017 00:04)


    Hey there! This post couldn't be written any better! Reading this post reminds me of my previous room mate! He always kept chatting about this. I will forward this post to him. Fairly certain he will have a good read. Thank you for sharing!

  • #16

    Nakita Ritz (venerdì, 10 febbraio 2017 03:04)


    When someone writes an article he/she keeps the thought of a user in his/her mind that how a user can know it. So that's why this article is amazing. Thanks!

  • #17

    Lesli Cowgill (venerdì, 10 febbraio 2017 06:04)


    wonderful publish, very informative. I'm wondering why the other experts of this sector don't understand this. You must proceed your writing. I'm sure, you have a huge readers' base already!